Spazzi di Campagna nasce nel 2006 nel ricordo di Nicola Poli, dalla memoria, fra l’altro, di una collina che stava cercando di bonificare dai rovi, prima di porre fine alla sua vita lanciandosi da una finestra del 3° piano in un parcheggio. Dai deliri e incubi presenti in quel gesto: dalla certezza che, in quel caso, la speranza è stata abbandonata. Dal desiderio che da quel dramma sorgesse qualcosa che desse una qualche risposta a quel disagio e che contribuisse alla lotta contro l’emarginazione.

L’Associazione si propone di contribuire alla lotta al disagio e all’emarginazione attraverso la promozione dell’integrazione tra persone di differente condizione o provenienza sociale, tramite l’offerta di progetti eco-terapeutici, di forme di sostegno individuale a carattere sociale, educativo e sanitario, e di proposte culturali.

Particolare attenzione è posta alla sostenibilità economica, alla qualità scientifica delle iniziative, nonché alle esigenze del territorio.
La partecipazione effettiva dei soggetti che vivono condizioni di disagio alle esperienze lavorative e all’iniziativa imprenditoriale proposte, rappresenta la sfida più importante del progetto. Un obiettivo che si intende perseguire attraverso la creazione, l’ampliamento, l’interazione e il sostegno di professionalità eterogenee, di varia estrazione, interessati e motivati a partecipare all’impresa comune.

L’Associazione si è proposta e messa in rilievo come presidio locale e centro innovativo nel contrasto di differenti forme di disagio psichico e sociale. Si avvale di un gruppo di lavoro che esprime capacità interdisciplinari e umane multiple: dalla gestione di progetti sperimentali alla realizzazione e verifica di percorsi ri-protettivi, di risocializzazione e integrazione sociale e di reinserimento lavorativo. Tali competenze, nel tempo, sono state validate dalla Compagnia di San Paolo sotto il profilo della verifica dei risultati perseguiti e raggiunti (documentati, tra l’altro, da relazioni di psichiatri e operatori sociali e dal Comitato Scientifico).